Crea una strategia di email marketing adatta al tuo e-commerce

Lo voglio dire subito: quando fai e-commerce una delle cose più intelligenti che puoi iniziare a fare da subito,  è costruirti la tua lista di email.

Pensaci. Una lista costruita in proprio è una cosa unica, una cosa che hai solo tu e quindi rappresenta un vantaggio competitivo. Attraverso una lista potrai costruire valore e una solida relazione con i tuoi clienti, aumentando l’interazione con questi. E’ una opportunità, per aumentare il valore del tuo cliente nel tempo, che non ti puoi permettere di perdere.

I dati dimostrano che l’email è ancora una di quelle cose che funziona meglio, e se poi parli a persone che hanno già acquistato il  tuo prodotto,  meglio ancora.

Vediamo quindi quali sono le campagne di email marketing che dobbiamo mettere da subito in atto.

Email per carrelli abbandonati.
Vi siete mai soffermati su questo dato? Vi chiedo questo perché so benissimo che molti venditori online non lo fanno. Non fate anche voi lo stesso errore!
Una email sui carrelli abbandonati  viene inviata ad un cliente che ha aggiunto articoli al suo carrello ma che non ha effettuato l’acquisto. In realtà possiamo prevederne anche una serie (2-3), spalmate su un asse temporale massimo di 3-5 giorni, per cercare di portare l’utente a completare il suo acquisto. In queste email  potremo semplicemente ricordare che sono stati inseriti articoli nel carrello senza poi acquistarli o, se le marginalità lo permette, si potrà inviare un codice promozionale per una riduzione del prezzo, meglio se con una validità (anche pochi giorni o ore) ridotta.
Generalmente l’apertura di questa tipologia di email è molto buona, con un  tasso di conversione che può portare ad un aumento delle entrate anche a due cifre percentuali.

Email di up-selling e cross-selling.
Questa tipologia di email viene inviata ai clienti che hanno acquistato un nostro articolo. La finalità è quella di vendere loro altri prodotti per aumentare il valore medio degli ordini.  L’Up-selling mira ad offrire al consumatore qualcosa di maggior valore rispetto alla sua scelta d’acquisto iniziale. Il cross-selling punta ad offrire prodotti o servizi in qualche modo collegati con l’acquisto iniziale.

Email di fidelizzazione e re-ingaggio.
Sono quelle email che mirano a costruire e mantenere una relazione duratura con il cliente, aumentandone il valore nel tempo. Esempi di email con queste finalità sono quelle che presentano un oggetto tipo: “Ci sei mancato” oppure “Non ci sentiamo da tanto tempo”.

Email promozionali personalizzate.
La personalizzazione può aiutarti a migliorare la performance delle email inviate ai tuoi clienti. Potresti, ad esempio, decidere di inviare una email o no,  basandoti sul comportamento tenuto rispetto alle email precedenti; o potresti voler differenziare per genere, ad esempio, decidendo di inviare a tutti gli uomini una email specifica sul tuo ultimo rasoio inserito a catalogo.

Email su articoli precedentemente esauriti.
Se un articolo nel tuo shop è esaurito, ma sai che presto sarà nuovamente disponibile, potrai invitare i tuoi utenti a chiedere di voler essere informati nel momento in cui questo tornerà disponibile. Questa procedura ti permetterà di inviare una email per comunicare la disponibilità del prodotto, incentivando cosi nuovi acquisti.

Email informative/educative
Anche se gestiamo un e-commerce, dobbiamo entrare nell’ottica che non tutte le email che inviamo ai nostri clienti devono avere come finalità la vendita. I clienti vanno informati ed “educati”. Ad esempio, se vendiamo coperture per esterni, potremo decidere di informare i nostri utenti riguardo le ultime normative sui permessi e autorizzazioni necessarie. Le informazioni di questo tipo sono anche condivisibili, e questo non può che farci bene.

Email per occasioni speciali
Prevedi l’invio di email su temi stagionali e periodi particolri. Natale, black friday, festa della mamma, festa del papà, saldi estivi, saldi invernali…sono solo alcune delle occasioni di cui tener conto quando programmi la tua strategia di email marketing (si ho detto programmi! Nulla deve essere improvvisato).

Altri due consigli per concludere.
Design. Mantienilo semplice, crea email che siano subito legibbili.  Alcune di queste creale solo in formato testuale e, anche quando aggiungi elementi grafici, non esagerare. Non inviare mai e poi mai email che siano solo grafiche, molti client di posta elettronica, non caricano subito a video le immagini, il risultato sarebbe una email vuota!
Oggetto e testo di anteprima. La parola d’ordine è ottimizzare. Questi elementi sono quelli che creano la prima impressione, sono quelli che fanno si  che un cliente decida di aprire o buttare nel cestino la tua email. Capisci bene come sia quindi necessario porre tutta la tua attenzione nel definirli. Offri uno sconto? Scrivilo subito. Devi comunicare una novità? Fallo immediatamente. L’oggetto deve subito attirare l’attenzione del nostro lettore, e il testo di anteprima deve supportare l’oggetto per aumentare l’apertura della email.

Gianluca

Lavoro per far crescere e-commerce, siti di affiliazione e portali dedicati alla generazione di contatti commerciali (lead generation). Mi occupo della gestione di questi portali dal punto di vista strategico e operativo. Ho operato, in proprio o per conto di agenzie, nel settore food e non food, prodotti personalizzati, automotive, energia, servizi finanziari, trasporti, turismo, sia in ambito B2C che B2B --> CHI SONO
Chiudi il menu